Salta al contenuto
Rss




Chiesa Parrocchiale di Ponzana (Sec. XVII)

a cura di Antonelli Rizzi

L'attuale chiesa Parrocchiale è situata all'inizio dell'abitato, verso nord, e venne eretta a spese dell'Ospedale Maggiore della Carità e del Nobile Collegio Caccia possessori "del total territorio di Ponzana" fra il 1779 e il 1783, "non potendosi (le spese) in modo veruno sopportare ne in tutto ne in parte dagli abitanti di detto luogo, tutti agricoltori".
L'analisi delle carte che riguardano la "Spesa della nuova Chiesa di Ponzana Spettanti al Venerando Ospedale maggiore di Novara e Nobili Collegio Caccia in vigore d'ordinazione dal 4 Febbraio 1777 e 24 Marzo detta anno", documento conservato presso 'Archivio di Stato di Novara nel fondo Prefettura Dipartimento dell'Agogna, permette di seguire momento per momento tutte le fasi dell'edificazione, a partire proprio dal 4 Febbraio del 1777 quando "essendosi resa ruinosa l'antica chiesa che serve da Parrocchiale del luogo di Ponzana essiché fosse istantaneamente necessaria la di lei rifabbricazione" l'ospedale incarica "il sig. Giuseppe Rossi suo perito di formare d'intelligenza con i Nobili Amministratori del Collegio il disegno della nuova Chiesa".
Amministratori dell'ospedale e sottoscrittori dell'impegno Furono: il cavaliere Giuseppe Langhi, ministro; cavaliere Giovanni Morbio Zappelloni, rettore; conte Giuseppe Cattaneo di Proh, rettore; marchese Luigi Gaudenzio Tornielli di Borgo(avezzaro, rettore; conte Enrico Tornielli Zappelloni di Vergano, rettore.
La spesa totale, pagata il 14 gennaio del 1786 dall'economo Giuseppe Antonio Basilico, ammontava a "lire 18.195, soldi 10 e denari 8 di Piemonte pari a Lire 27.293 e soldi 6 imperiali".
Esecutore della fabbrica fu il capomastro Giuseppe Falcone, che il 14 febbraio del 1779 venne pagato per "far fondamento" mentre nell'ottobre del 1780 sono registrati pagamenti per il gesso, in parte fornito da Barbisino di Casale, in parte proveniente da Como.
La struttura della chiesa, costituita da una navata e da due cappelle laterali, era già conclusa nel 1781, anno in cui compaiono i pagamenti allo stuccatore Morazzoni e all'intagliatore Vassallo "per intagli e dorature dell'altare" (4 giugno), al pittore Valentini "per l'immagine della facciata (5 giugno), al marmorino Oldelli "a conto dei marmi per l'altare" (25 giugno).
Nel mese di novembre la facciata e la chiesa tutta furono imbiancate e l'interno completato con le dorature eseguite da Gaudenzio Brambilla.
I pagamenti al capomastro proseguirono però fino al 1783 in quanto il saldo fu registrato il 13 maggio di quell'anno.
La nota segnala anche un particolare curioso: nei mesi caldi l'amministrazione dell'ospedale si era dimostrata generosa e pagava del vino per i muratori come indicano le 2 brente consegnate l'8 luglio del 1781 e le 3 del 7 agosto 1782.
L'edificio venne consacrato dal vescovo Balbis Bertone il 13 maggio 1786 che lo dedicò a Maria Vergine Assunta e a San Martino vescovo, ricordando in questo modo l'antico oratorio intitolato al Santo sul cui luogo la nuova chiesa venne costruita.


Tratto da:
Storia e Documenti Artistici del Novarese
Paesi fra le Risaie - Vol.29
Provincia di Novara
Assessorato alla Cultura e ai Beni Culturali - 2004
Testi parte storica: Antonello Rizzi





Inizio Pagina Comune di CASALINO (NO) - Sito Ufficiale
Via San Pietro n.3 - 28060 CASALINO (NO) - Italy
Tel. (+39)0321.870112 - Fax (+39)0321.870247
Codice Fiscale: 00467290037 - Partita IVA: 00467290037
EMail: casalino@reteunitaria.piemonte.it
Posta Elettronica Certificata: casalino@cert.ruparpiemonte.it
Web: http://www.comune.casalino.no.it


|